FAUSTO NAZER- ARTISTA

23.04.2020 08:47

5 DOMANDE A FAUSTO NAZER

 

1.COME TI SEI AVVICINATO ALLA PITTURA?

Fin da piccolo sento una forte inclinazione per il disegno e le arti figurative . Inizio il proprio percorso  formativo da autodidatta , avvicinandomi spontaneamente alla pittura figurativa  ; successivamente perfeziono la tecnica e approfondisco, attraverso degli studi e indagini pittoriche personali  fino ad arrivare nel 1993 alla mia prima esposizione pubblica . Questa grande soddisfazione apprezzata dal pubblico accorso all'evento non è che la prima di una serie di mostre in Italia e all’ estero. Spaziando da Palermo,Treviso,Mantova,Torino a Londra , San Pietroburgo, Mosca, Buenos Aires ,Malta ,Montecarlo,e Cina , le mie opere si sono aggiudicate diversi premi, raccogliendo estimatori da tutto il mondo.

2. I TUOI SOGGETTI PREFERITI?

 

La neve e il ghiaccio perché sono per parte dell’anno nel mio paesaggio visivo e la pioggia ,

che dipingo nelle mie tele non come elemento e soggetto triste e malinconico, ma come

risorsa di vita e di rinnovamento .Vedere le gocce d’acqua che cadono danno la sensazione

di lavare, purificare tutto quello che viene accarezzato da queste . Far pensare che anche

con il grigiore della pioggia c’è sentimento e amore mi appassiona e gratifica molto quasi a percepire

l’odore della pioggia e delle cose .Paesaggi di campagna , atmosfere metropolitane, figure femminili solitarie, sotto la pioggia . Sono le tematiche che preferisco nei miei quadri .

3. IL TUO STATO D'ANIMO ENTRE CREI LA TUA OPERA?  

Mentre creo immagino sogno e mi piace ( non sempre ci riesco ) emozionare 

Una mia citazione  Dipingendo intingo il pennello nella mia anima e creo emozioni ... le mie emozioni 

4. LA TUA ARTE E'...DESCRIVI IN POCHE PAROLE QUELLO CHE SENTI DI TRASMETTERE DI ESPRIMERE..

 

Sono un pittore che lascia molto spazio all’ introspezione e alla mia parte onirica, riuscendo a trasferire su tela sottili ma profonde percezioni. Quale è il soggetto “reale” del mio mondo onirico? L’umanità, l’ombrello protettivo, la pioggia, i palazzi muti testimoni torreggianti, la solitudine, i sentimenti?  La mia capacità dicono di cristallizzare in modo espressivo rapido e intenso precisi attimi di Vita in cui la pioggia diviene soggetto dinamico che accomuna esseri viventi, storie, piccole grandi gioie, quotidianità, lavoro, svago, malinconia, solitudine. Una pioggia torrenziale, o leggera, o insistente,o  accennata, o dissolta dall’ arrivo del sereno. Il mio desiderio di riuscire a far partecipi di “quel” momento, portandovi nell’ atmosfera del mio sogno visivo, e questo per me un  risultato meraviglioso, quando la  pittura diviene un tramite, comunicando pensieri impalpabili che divengono visibili. E’ la magia dell’Arte che unisce le capacità tecniche del cervello con le emozioni del cuore.  

5. PROGETTI FUTURI?

 

Sicuramente nei miei progetti e idee future ci sono nuove tappe da raggiungere e gradualmente avvicinarmi ad altri tipi di creazioni sia nella pittura che nella scultura .

www.faustonazer.com

 

—————

Indietro